Consegna
Consegna gratuita per ordini superiori a 50€
Pagamenti
Pagamenti sicuri

Utensili in PCD e HW nel taglio del legno e derivati: perché scegliere il diamante

Facebook
Twitter
LinkedIn

Metallo duro o diamante: le differenze

Questo articolo ha l’obiettivo di spiegare le differenze tra il Diamante Policristallino (PCD) e il Metallo Duro (HW o Widia) e perché il diamante ha performance migliori nel taglio del legno e derivati, materie plastiche e alluminio

Il metallo duro

Il Metallo Duro, anche conosciuto come carburo cementato, HW o Widia è un materiale utilizzato nelle lavorazioni meccaniche ed è ottenuto unendo particelle dure di carburo di tungsteno ad una matrice metallica in cobalto.

In campo metalmeccanico il Widia viene utilizzato in lavorazioni dove non è richiesta una finitura di qualità e il materiale lavorato varia spesso nell’arco della giornata lavorativa, questo perché i taglienti degli utensili in metallo duro si deteriorano più facilmente sin dalle prime fasi di taglio.

Il diamante policristallino

Come spiegato in questo articolo, il Diamante Policristallino (PCD) è prodotto in laboratorio tramite un processo di sinterizzazione unendo una massa di particelle di diamante sintetico ad una base di carburo di tungsteno per mezzo di un elemento catalizzatore. Il diamante prodotto da questo processo ha una buonissima qualità di taglio e una grande resistenza all’usura.

Il PCD si distingue dall’HW per le seguenti caratteristiche:

  • Elevata durezza;
  • Resistenza all’abrasione;
  • Robustezza;
  • Alto grado di resistenza meccanica;
  • Alta conduttività termica.

Queste caratteristiche rendono il diamante adatto per lavorazioni di materiali come truciolare, MDF/HDF, laminati e bilaminati, fibra di carbonio, fibra di vetro, alluminio e leghe. Ed è proprio la durezza che rende il diamante un eccellente materiale da taglio, consentendo all’utensile di avere una durata maggiore, riducendo i costi di produzione e rendendo ottima la qualità del prodotto finito.

Utensili in PCD e HW nel taglio del legno e derivati

I campi di applicazione dell'HW e PCD

Visto che negli utensili in HW i taglienti tendono a danneggiarsi facilmente già dalle primi fasi di utilizzo, si predilige il Widia per lavorazioni dove non è necessaria una buona finitura di taglio e per lavorare materiali diversi in tempi più brevi, richiedendo una riaffilatura frequente.

Il PCD, invece, è indicato anche per la lavorazione di materiali più complessi ed abrasivi e la sua naturale durezza lo rende un eccellente materiale da taglio. Come già anticipato, infatti, la qualità di taglio non diminuisce con l’utilizzo, rendendo l’utensile un ottimo alleato in lavorazioni come foratura, fresatura, sezionatura e squadratura.

I vantaggi del diamante policristallino

Negli ultimi anni la popolarità degli utensili in diamante è cresciuta molto, infatti i vantaggi del diamante policristallino sono considerevoli se utilizzato correttamente:

  1. Aumento della durata di taglio da 50 a 100 volte migliore rispetto quella degli utensili in HW;
  2. Riduzione del tempo di inattività della macchina dovuta all’attrezzaggio per la riaffilatura dell’utensile;
  3. Qualità di lavorazione costante per tutta la durata dell’utensile.

Ma ha anche ulteriori vantaggi:

  1. I cicli di lavorazione degli utensili in PCD sono eccezionali se paragonati a quelli in HW, con i tempi tra una riaffilatura e l’altra che possono essere di vari mesi nel PCD contro i giorni o addirittura ore nell’HW;
  2. La grande precisione degli utensili in PCD rende possibile mantenere le tolleranze degli elementi lavorati per tutta la durata dell’utensile.
Utensili in PCD e HW nel taglio del legno e derivati

Diamante e metallo duro: i costi a confronto

Nonostante inizialmente l’utensile in diamante possa sembrare un investimento oneroso vista la differenza di prezzo, proprio grazie al risparmio ottenuto con i cicli di produzione più brevi, la riduzione dei fermi macchina e gli altri vantaggi sopra elencati, l’utilizzo di utensili in PCD ripaga più volte il costo iniziale d’acquisto rendendo il diamante un investimento redditizio.

Quando per i cicli di produzione a cui sono destinati questi utensili i costi risultino ancora troppo alti, si può optare per l’acquisto di utensili Usa e Getta che hanno, quindi, una minore altezza di diamante sui taglienti, consentendo però agli utensili di essere riaffilati 2/3 volte contro le normali 8/10 volte degli utensili standard.

I nostri utensili in diamante

I nostri utensili in diamante sono da sempre sinonimo di precisione ed alta qualità a livello internazionale ed assicurano un ottimo risultato con la possibilità di combinazioni su misura in base alle diverse esigenze. Mancini Utensili acquista da sempre il diamante da produttori di spicco e grazie all’esperienza pluridecennale è in grado di consigliare sempre il tipo di diamante più adatto alle esigenze del cliente.

Altre news che possono interessarti